Lug 14, 2024
Assenza di interazioni moltiplicative tra agenti cancerogeni polmonari professionali e fumo di tabacco: una revisione sistematica su asbesto, silice cristallina ed emissioni di gas di scarico dei motori diesel

BMC Public Health. 2017 Feb 2;17(1):156.

Mohamad El Zoghbi 1Pascale Salameh 2 3Isabelle Stücker 4Patrick Brochard 1 5Fleur Delva 1 5Aude Lacourt 6

Affiliations expand

PMID: 28152992

PMCID: PMC5288859

DOI: 10.1186/s12889-017-4025-1

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28152992/

Background: Il fumo di tabacco è la principale causa di cancro ai polmoni, ma non è l’unico fattore causale. Percentuali significative di lavoratori sono fumatori ed esposti ad agenti cancerogeni polmonari professionali. Questo studio intende valutare sistematicamente l’interazione statistica tra gli agenti cancerogeni polmonari professionali ed il fumo di tabacco, in particolare l’asbesto, la silice cristallina e le emissioni di scarico dei motori diesel.

MetodiGli articoli sono stati identificati utilizzando Scopus, PubMed e Web of Science, in lingua inglese e francese, senza una limitazione per quanto riguarda l’anno di pubblicazione. Un revisore ha selezionato gli articoli in base a criteri di inclusione ed esclusione. Due revisori hanno verificato l’idoneità degli articoli da includere nella revisione sistematica. Studi di coorte e studi caso-controllo sono stati analizzati separatamente. I risultati dell’interazione tra il fumo di tabacco e ciascun agente cancerogeno sono stati valutati e riportati separatamente.

RisultatiQuindici studi sono stati inclusi per l’interazione asbesto-fumo, sette per l’interazione silice-fumo e due per l’interazione diesel-fumo. I risultati hanno suggerito l’assenza di interazione moltiplicativa tra i tre agenti cancerogeni polmonari professionali ed il fumo. Non ci sono prove sufficienti emerse in letteratura per poter concludere che l’interazione sia additiva. Si ritiene che vi possa essere un limitato rischio di bias nella pubblicazione in quanto sono stati pubblicati diversi studi che riportano risultati negativi.

Conclusione: Non ci sono interazioni moltiplicative tra il fumo di tabacco e gli agenti cancerogeni polmonari professionali, in particolare l’asbesto, la silice cristallina e le emissioni di gas di scarico dei motori diesel. Nonostante ciò, azioni specifiche dovrebbero essere sviluppate e promosse per ridurre l’esposizione contemporanea ad agenti cancerogeni polmonari professionali e al fumo di tabacco.

Deep learning per il conteggio delle fibre di amianto

Deep learning per il conteggio delle fibre di amianto

J Hazard Mater. 2023 agosto 5;455:131590. EPUB 2023 Maggio 6. Ahmad Rabiee, Giancarlo Della Ventura, Fardin Mirzapour, Sergio Malinconico, Sergio Bellagamba, Federico Lucci, Federica Paglietti PMID: 37178531 DOI: 10.1016 /j.jhazmat.2023.131590 Il metodo PCM...