Apr 25, 2024
L’impatto dell’inquinamento ambientale e professionale sulle malattie respiratorie

Int J Environ Res Public Health. 2022 Feb 27;19(5):2788

Chinatsu Nishida, Kazuhiro Yatera

PMID: 35270479

PMCID: PMC8910713

DOI: 10.3390/ijerph19052788

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35270479/

Gli inquinanti ambientali e gli inquinanti occupazionali possono causare ed esacerbare diverse malattie respiratorie. Questa revisione descrive le malattie polmonari e respiratorie in relazione agli inquinanti ambientali, in particolare il particolato (PM2.5) e gli inquinanti atmosferici professionali, escluse le malattie trasmissibili e gli inquinanti interni. Il particolato (PM2.5) prodotto dalla combustione è un importante inquinante ambientale. Il PM2.5 può causare attacchi d’asma e esacerbazioni della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Inoltre, non solo comporta un rischio di sviluppare cancro ai polmoni, ma a lungo termine ostacola anche lo sviluppo della funzionalità polmonare nei bambini. Recentemente è stato rilevato che l’inquinamento atmosferico è un fattore di rischio per la malattia da coronavirus (COVID-19). L’amianto, che causa asbestosi, cancro ai polmoni, mesotelioma, e la silice cristallina, che causa la silicosi, sono noti inquinanti occupazionali tradizionali che possono portare a pneumoconiosi (affezione dei polmoni provocata dall’inalazione dei polveri). Negli ultimi anni l’asma correlata al luogo di lavoro è la malattia polmonare professionale più comune: sono molteplici gli agenti che la possono causare, tra cui sostanze chimiche naturali e sintetiche e gas irritanti. Gli interventi preventivi primari che aumentano la consapevolezza degli inquinanti e riducono lo sviluppo e l’esacerbazione delle malattie causate dagli inquinanti atmosferici sono fondamentali per affrontare l’inquinamento ambientale e professionale.

Deep learning per il conteggio delle fibre di amianto

Deep learning per il conteggio delle fibre di amianto

J Hazard Mater. 2023 agosto 5;455:131590. EPUB 2023 Maggio 6. Ahmad Rabiee, Giancarlo Della Ventura, Fardin Mirzapour, Sergio Malinconico, Sergio Bellagamba, Federico Lucci, Federica Paglietti PMID: 37178531 DOI: 10.1016 /j.jhazmat.2023.131590 Il metodo PCM...