Giu 18, 2024
Screening del tumore polmonare nella popolazione esposta all’amianto: i criteri di rischio relativi allo sviluppo di tumore polmonare esistenti non sono sufficienti

Fraser J. H. Brims, Edward J. A. Harris, Conor Murray, Chellan Kumarasamy, Alice Ho, Brendan Adler, Peter Franklin, Nick H. de Klerk

PMID: 37105901

DOI: 10.1111/resp.14512

Background e obiettivo: l’amianto è un importante fattore di rischio per il tumore polmonare. Lo screening con tomografia computerizzata a bassa dose (LDCT) per la diagnosi precoce di questa tipologia di tumore è efficace, ma solo se rivolto a popolazioni ad alto rischio. Questo studio si proponeva di analizzare l’efficacia dello screening LDCT in una popolazione esposta all’amianto e di confrontare i criteri di eleggibilità del programma di screening del tumore polmonare (LCSP). Metodi: i partecipanti ad un programma di sorveglianza sanitaria sull’amianto, il Western Australia Asbestos Review Program (WA), sono stati sottoposti ad almeno una scansione LDCT e ad una valutazione della funzionalità polmonare nell’ambito della revisione annuale tra il 2012 e il 2017. I casi di tumore al polmone sono stati confermati attraverso il linkage con il registro dei tumori del WA.

Risultati: sono state eseguite 5700 scansioni LDCT su 1743 persone. L’età mediana era di 69,8 anni, 1481 (85,0%) erano di sesso maschile e 1147 (65,8%) erano fumatori da sempre (esposizione mediana di 20,0 pacchetti all’anno). Complessivamente, sono stati rilevati 26 tumori polmonari (1,5% della popolazione; 3,5 casi per 1000 anni-persona di osservazione). Il tumore in questione era in fase iniziale nell’86,4% e 4 casi (15,4%) non erano mai stati fumatori. In base agli attuali criteri del programma di screening polmonare, 1299 (74,5%) di questa popolazione, compresa la maggior parte (17, 65,4%) dei casi di tumore al polmone, non sarebbero stati eleggibili per alcun LCSP.

Conclusioni: questa popolazione è a rischio elevato nonostante una modesta esposizione al tabacco. La LDCT è efficace nell’identificare il tumore polmonare in stadio precoce in questa popolazione e gli attuali criteri di rischio per il tumore al polmone non comprendono questa popolazione in modo adeguato.

Discussione e Conclusioni

Questo studio dimostra che lo screening LDCT di una popolazione esposta all’amianto può identificare il tumore polmonare in fase precoce in individui che altrimenti non sarebbero stati eleggibili per lo screening del tumore polmonare.

Studi clinici/epidemiologici che hanno esaminato gli esiti in popolazioni esposte all’amianto hanno riportato un’incidenza di tumori polmonari compresa tra l’1,2% e il 2,6%, con un rischio diverso dovuto a diversi tipi di fibre di amianto ben riconosciute. Una recente analisi dell’intera popolazione, sin dall’inizio, ha dimostrato che la presenza di asbestosi conferisce un aumento del rischio di tumore polmonare, ma non la presenza di placche pleuriche. L’amianto è considerato in alcuni modelli di rischio, anche se nessuno di questi tiene conto del sinergismo additivo dell’esposizione combinata a tabacco e amianto.

Il punto di forza di questo studio di coorte è la buona descrizione fenotipica della popolazione ed il follow-up completo. I partecipanti con tumore polmonare avevano una maggiore esposizione al fumo di tabacco, una maggiore esposizione cumulativa stimata all’amianto e un maggior numero di enfisemi visibili alla TAC, rispetto a quelli senza la patologia.

Sono necessarie ulteriori ricerche per colmare il divario tra conoscenze e implementazione, in modo da consentire un approccio pratico e fattibile per tenere conto dell’esposizione professionale all’amianto nei programmi di screening mirati per il tumore al polmone. Una stima dell’esposizione cumulativa all’amianto basata sul tempo potrebbe essere un approccio pragmatico per valutarne l’idoneità, con il criterio di idoneità dell’ARP che prevede più di 3 mesi di esposizione cumulativa a tempo pieno all’amianto.

Irisultati di questo studio sono probabilmente generalizzabili a popolazioni più ampie esposte all’amianto, con stime precedenti di almeno 410.000 australiani esposti professionalmente all’amianto. In questa coorte, noduli polmonari indeterminati sono stati riscontrati nel 10,7% dei partecipanti durante il periodo di screening con TAC nel corso del periodo di screening. Questo dato è inferiore a quello di altri studi di screening relativi alla stessa patologia, presumibilmente legato alla definizione di nodulo, all’esposizione relativamente bassa al tabacco nella coorte e forse alla geografia. Va notato che all’inizio del programma non erano state pubblicate linee guida come LungRads e il modello di rischio di malignità PanCan, per cui i medici hanno adottato quello che oggi è probabilmente un approccio troppo cauto, approccio conservativo all’inizio. La sorveglianza dei noduli polmonari è una componente molto significativa del costo totale di un potenziale programma di screening e l’uso di un approccio basato su linee guida chiare è fondamentale per garantire un follow-up sicuro ed efficiente. Nel complesso, il protocollo e l’approccio dell’ARP suggeriscono che si tratta di un programma efficace, con una buona fidelizzazione dei partecipanti, un numero relativamente basso di noduli e la maggior parte (86,4%) dei tumori in fase iniziale.

È necessaria una valutazione formale del rapporto costo-efficacia. Come previsto per una popolazione di screening, questo studio ha identificato una predominanza di adenocarcinomi, il che aumenta la probabilità di sovradiagnosi. L’ARP non è stato progettato come programma di screening del tumore polmonare, ma è sempre stato un programma di sorveglianza sanitaria, per cui non esiste un limite massimo di età per i partecipanti.

Questo studio non ha cercato di esaminare i fattori di rischio indipendenti associati alla patologia o alla presenza di noduli con la regressione logistica multivariata o altri mezzi, poiché i numeri sono piccoli e probabilmente non sarebbero affidabili. In sintesi, questo studio ha dimostrato che è possibile identificare una popolazione ad alto rischio in base all’esposizione cumulativa stimata all’amianto, che un programma di screening controllato con LDCT è efficace nell’identificare il tumore polmonare in fase precoce in questa popolazione e che i modelli di predizione del rischio di tumore polmonare esistenti non esaminano adeguatamente questa popolazione. Questi modelli devono essere modificati per tenere conto delle esposizioni professionali.

Deep learning per il conteggio delle fibre di amianto

Deep learning per il conteggio delle fibre di amianto

J Hazard Mater. 2023 agosto 5;455:131590. EPUB 2023 Maggio 6. Ahmad Rabiee, Giancarlo Della Ventura, Fardin Mirzapour, Sergio Malinconico, Sergio Bellagamba, Federico Lucci, Federica Paglietti PMID: 37178531 DOI: 10.1016 /j.jhazmat.2023.131590 Il metodo PCM...